Arquà Petrarca: il borgo dei Poeti (PD)

Adagiato tra i Colli Euganei, Arquà cambiò il proprio nome in onore del poeta che lo scelse per trascorrervi gli ultimi anni di vita e che tanta fama gli ha portato nei secoli a livello internazionale: costante meta di un “pellegrinaggio letterario”, il borgo ha saputo mantenere intatta la sua struttura trecentesca ed il suo meraviglioso paesaggio, che contribuiscono a donargli una serena atmosfera senza tempo.

Penso sia impossibile pensare ad Arquà Petrarca senza visualizzare mentalmente anche i Colli Euganei, quello splendido scenario naturale, dai mille colori e sfumature, che dona panorami sempre nuovi con il mutare della luce e delle stagioni. Guido Piovene, in “Viaggio in Italia”, scrive che “quando vi fumano le nebbie assomigliano a vulcani attivi. Ma si aggiunge, e vi predomina, la dolcezza della regione”. Ugo Foscolo, nelle “Ultime lettere di Jacopo Ortis”, racconta dei pioppi che stavano “ombreggiando la costa orientale di un folto boschetto che sarà il primo salutato dal Sole quando splendidamente comparirà dalle Cime de’ monti”. Un antico documento conservato nel Museo Civico di Padova testimonia che “Vasti boschi di castagni, noci, faggi, frassini, roveri coprivano i pendii di Arquà, ma erano soprattutto la vite, l’olivo e il mandorlo che contribuivano a creare il suggestivo e tipico paesaggio arquatense”. foto Arquà Petrarca vista dall'altoGabriele d’Annunzio, nel romanzo “Il fuoco” evoca appassionate e leggere suggestioni: “Guardate laggiù i Colli Euganei, Foscarina. Se il vento si leva, andranno vagando per l’aria come veli, ci passeranno sul capo. Non li ho mai veduti così trasparenti… Un giorno vorrei andare con voi ad Arquà. I villaggi sono rosei laggiù come le conchiglie che si trovano nella terra a miriadi. Quando arriveremo, le prime gocce d’una pioggerella improvvisa toglieranno qualche petalo ai fiori dei peschi. Ci fermeremo sotto un arco del Palladio, per non bagnarci. Poi cercheremo la fontana del Petrarca, senza domandare a nessuno la via”. Tanti nomi illustri hanno raccontato altrettante impressioni, sfaccettature, aneddoti, storie su questo piccolo e antico borgo trecentesco, immerso nel verde della natura, in un profondo senso di pace; tutti sono stati conquistati dal paesaggio, dall’atmosfera e da quell’aura mitica data dal fatto che il Petrarca scelse Arquà come luogo per passare serenamente gli ultimi anni della sua vita ed ancor di più perché il poeta lo elesse come sua “seconda Elicona”, un luogo dove sgorgava una fonte sacra alle Muse, che avrebbe dato ispirazione a chiunque se ne fosse dissetato.
Penso che da lì non vorresti più andartene”.
Se questa era la pubblicità che Petrarca faceva ad Arquà, non c’è da stupirsi se questo borgo nel tempo sia stato meta di un vero e proprio “pellegrinaggio letterario” da parte di scrittori e poeti provenienti da tutta Europa. Vittorio Alfieri, Mary Shelley accompagnata dal marito, Lord Byron, Ugo Foscolo, Gabriele D’Annunzio e tanti altri si sono incamminati con gli occhi pieni di emozione passando tra piante di giuggiole ed ulivi, mentre “gli alberi sussurrando soavemente, faceano tremolare contro la luce le gocce trasparenti della rugiada”. Sicuramente hanno visto l’antico lavatoio di pietra ed hanno bevuto alla fontana dove Petrarca era solito dissetarsi. Alzando lo sguardo hanno ammirato l’eleganza del quattrocentesco Palazzo Contarini e, proseguendo la salita, hanno incontrato l’antica chiesa parrocchiale romanica di Santa Maria Assunta, sul sagrato della quale, in marmo rosso di Verona, troneggia l’urna che custodisce le ossa del Petrarca, costruita sul modello della tomba di Antenore a Padova. Foto tomba Petrarca ad Arquà PetrarcaIl sagrato è una splendida terrazza panoramica, che d’estate si presta come palcoscenico per manifestazioni culturali. Salendo ancora si incontra un affresco sbiadito del 1320 che indica l’ospitale dedicato alla Madonna, aperto per dare rifugio ed assistenza e mendicanti e pellegrini; poco più in alto, oltre ristorantini e negozi di prodotti gastronomici tipici, antichi palazzi veneziani e padovani, disposti a schiera, si mostrano nella loro semplice bellezza di pietra chiara, tetti ricoperti da coppi in cotto, e giardini ed orticelli. Ancora più in là si incontra la statua d’angolo che indica il “Cammino di Sant’Antonio”, anticamente percorso dai pellegrini che volevano arrivare alla Basilica di Sant’Antonio di Padova, oggi anche sentiero ben segnalato per gli amanti del trekking. Proseguendo la salita arriviamo alla parte alta del borgo, che un tempo era dominato da un possente castello carolingio, una valente fortificazione lungo la linea di confine longobarda, del quale ormai è rimasto solo il ricordo: “via Castello” porta a Monte Castello, una collina verdissima dove oggi è ospitato il Monumento ai Caduti delle Grandi Guerre. Nella centralissima “Piazzetta San Marco”, la piazza principale del borgo, si distingue la trecentesca “Loggia dei Vicari” per le sue ampie arcate: era il palazzo del potere, dove svolgevano i loro compiti i funzionari nominati dalle più importanti famiglie di Padova prima e di Venezia poi, per amministrare saggiamente il territorio. Lungo le pareti della loggia sono ancora visibili gli stemmi di alcune famiglie vicariali, mentre il tetto a quattro capriate, restaurato nel 2003, è dotato di una copertura di rame e vetro, capaci di donare suggestivi giochi di luce. Poco oltre, l’oratorio della Santissima Trinità merita uno sguardo non solo perché Petrarca vi si ritirava in preghiera. L’antica casa dei vicari è diventata un bar dove ristorarsi guardandosi attorno: si noterà subito l’indicazione che segnala la casa di Petrarca; egli stesso seguì i lavori di ristrutturazione e lì morì nella notte del 19 luglio 1347. Immersa nel verde, circondata dagli orti che lui stesso curava, questa casa diventò un museo alla sua memoria già nel Rinascimento per volontà dell’allora proprietario Paolo Valdezocco: fece aggiungere la loggetta e la scala esterna per accedere al primo piano e fece dipingere un ciclo di affreschi che rappresenta la vita e le opere del poeta. foto casa di Petrarca ad Arquà PetrarcaAncora oggi la casa è visitabile; Ugo Foscolo fa raccontare a Jacopo Ortis che “Sei o sette giorni addietro s’ è ito in pellegrinaggio. Io ho veduto la natura più bella che mai. Teresa, suo padre, Odoardo, la piccola Isabellina ed io siamo andati a visitare la casa del Petrarca in Arquà. Arquà è discosto, come tu sai, quattro miglia dalla mia casa; ma per più accorciare il cammino prendemmo la via dell’ erta”. Come noi, ogni anno migliaia di visitatori più o meno illustri vengono fin qui, chi con curiosità, chi con venerazione, chi per cogliere un’eco di un mondo lontano. Dopo una vita passata a viaggiare per l’Europa, un po’ per piacere e un po’ caricato degli onori e delle responsabilità di missioni diplomatiche e di rappresentanza, Francesco Petrarca decise di fermarsi qui e per quattro anni visse tra queste mura, dedicandosi alle sue occupazioni con impegno e serenità.
Per non allontanarmi troppo dalla mia chiesa, qui fra i colli Euganei, a non più di dieci miglia da Padova, mi sono costruito una casa piccola ma deliziosa, cinta da un oliveto e da una vigna, che danno quanto basta ad una famiglia numerosa, ma modesta. E qui, benché ammalato, vivo pienamente tranquillo, lontano da ogni confusione, ansia e preoccupazione, passando il mio tempo a leggere e a scrivere”.

Città Arquà Petrarca

Provincia Padova

Regione Veneto

Coordinate GPS 45°16′N 11°43′E

Come arrivare

In auto: Arquà Petrarca dista da Padova una ventina di chilometri ed è raggiungibile percorrendo la SS 16 in direzione sud. Si supera il centro di Battaglia Terme e si gira a destra al semaforo attraversando il ponte e proseguendo sulla SP 16. Seguendo le indicazioni si arriva facilmente al parcheggio allestito all’entrata del borgo.

In treno: Ad Arquà Petrarca non c’è la stazione ferroviaria che invece si trova a Terme Euganee-Abano-Montegrotto o a Monselice, entrambe sulla linea ferroviaria Bologna-Venezia, ed entrambe collegate ad Arquà da un servizio autobus offerto dalla SITA. Per maggiori informazioni su orari e prezzi è possibile consultare il sito internet http://ro.autobus.it/ro/asp/RicercaOrari.asp?User=SITA.

In autobus: Arquà Petrarca è servita dalla SITA. Per maggiori informazioni su orari e prezzi è possibile consultare il sito internet http://ro.autobus.it/ro/asp/RicercaOrari.asp?User=SITA.

Cosa visitare nei dintorni

Il giardino di Villa Barbarigo a Valsanzibio
Monselice

Per saperne di più

È possibile trovare molte informazioni utili su Arquà Petrarca sul sito internet: https://www.arquapetrarca.com/.

Se ti piacciono i borghi Bandiera arancione del TCI, potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:
Soave di nome e di fatto (VR)
Triora e le streghe (IM)
Vigoleno e il salottino del bel mondo (PC)
Castelvetro fa rivivere la dama (MO)
La scalata a San Leo (RN)
Monteriggioni di torri si corona (SI)
– Gli spaventapasseri di Frontino (PU)
Gradara: il castello di Paolo e Francesca (PU)
Il grande film di Sermoneta (LT)
I Trulli di Alberobello (BA)

Se ti incuriosiscono i borghi iscritti al club “I Borghi più belli d’Italia”, potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:
Glorenza tra storia e leggende (BZ)
A Cornello dei Tasso il tempo si è fermato (BG)
A Mombaldone sulle tracce degli Aleramici (AT)
Passaggio a Bard (AO)
Triora e le streghe (IM)
Zuccarello: capitale di un Marchesato (SV)
Finalborgo e Castel Gavone (SV)
Campo Ligure sul filo della storia (GE)
Vigoleno e il salottino del bel mondo (PC)
I muri parlanti di Dozza (BO)
La scalata a San Leo (RN)
I tesori di Sovana (GR)
– Gli spaventapasseri di Frontino (PU)
Gradara: il castello di Paolo e Francesca (PU)
Sperlonga: la piccola fenice (LT)
Civita di Bagnoregio: la città che rinasce (VT)
Castelsardo ed il tesoro dei Doria (SS)

Hits: 370

Condividi

30 Comments

  1. Hi my family member! I want to say that this article is awesome,
    great written and come with approximately all important infos.
    I’d like to look extra posts like this .

  2. Thanks a bunch for sharing this with all of us you
    really recognize what you are talking about! Bookmarked.
    Please also consult with my web site =). We will have a
    link change contract between us

  3. You should take part in a contest for one of the highest quality sites online.
    I am going to highly recommend this blog!

    • Thank you, I’m really happy that the content of this site is appreciated. I continue to post with enthusiasm. Please, come back soon!

  4. I visit every day a few web sites and information sites to read articles or reviews, but this weblog provides feature based content.

    • Thanks a lot! I put a lot of passion into both the travel and the discovery of the apects and stories that I write. I’m happy to read you! Come back soon!

    • thanks a lot! I just came back from a long journey in Italy that gave me new stories to tell! soon I will share here the new adventures and discoveries. Come back soon!

  5. Thanks for any other informative website. Where else could I am getting that
    type of information written in such an ideal method?
    I have a challenge that I’m simply now working on, and I have been on the look out for such information.

    • hello, thanks for visiting! I’m glad you like this blog and that the information it contains is useful. Keep following me! See you soon!

  6. I love what you guys are up too. This type of clever work and reporting!
    Keep up the superb works guys I’ve included you guys to my blogroll.

  7. Thanks for a marvelous posting! I seriously enjoyed reading it, you might be a great author.I will be sure
    to bookmark your blog and will eventually come
    back later on. I want to encourage that you continue your great posts,
    have a nice weekend!

  8. I got this site from my friend who told me on the topic of this site
    and now this time I am browsing this web site and reading very informative articles or reviews at this time.

  9. Definitely imagine that that you said. Your favorite reason appeared to be on the web the simplest
    factor to understand of. I say to you, I certainly get irked while people consider issues that they just don’t realize about.
    You controlled to hit the nail upon the top and defined out the entire thing with no need side effect
    , folks can take a signal. Will probably be again to get more.
    Thank you

  10. Fantastic items from you, man. I have take into accout your stuff prior to and
    you’re simply extremely wonderful. I actually like what you have acquired right here, really like what you’re saying and the
    best way during which you are saying it. You’re making it enjoyable and you
    still care for to keep it wise. I can not wait
    to read much more from you. That is really a wonderful website.

  11. Wow, this article is fastidious, my sister is analyzing these
    kinds of things, thus I am going to tell her. I couldn’t refrain from commenting.
    Exceptionally well written! Wow, this piece of writing is nice, my sister
    is analyzing such things, so I am going to let know her.

  12. I got this web page from my friend who informed me regarding this web site and now this time I
    am visiting this site and reading very informative articles or
    reviews at this place.

  13. I really love your blog.. Great colors & theme. Did you make this site yourself? Please reply back as I’m hoping to create my own personal blog and would like to find out where you got this from or what the theme is named. Kudos!

  14. I was wondering if you ever considered changing the layout of your site?
    Its very well written; I love what youve got to say.
    But maybe you could a little more in the way of content so people could connect with it better.
    Youve got an awful lot of text for only having one or two images.
    Maybe you could space it out better?

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*