Ilaria, la sposa di Zuccarello (SV)

Ilaria del Carretto, Zuccarello

Davanti alla porta del borgo medievale di Zuccarello, la statua bronzea di Ilaria del Carretto ci accoglie con un sorriso.

Ci attende davanti alla porta di accesso di Zuccarello, come una guida pronta ad accompagnarci tra la storia ed i carrugi del piccolo borgo medievale: è Ilaria del Carretto. È giovane e bella, con un’espressione dolce in viso ed il portamento elegante; ha i lunghi capelli intrecciati raccolti intorno ad una fascia imbottita che ne lascia sfuggire alcune ciocche sulla fronte. Veste una pellanda, un lungo soprabito che le arriva fino ai piedi e che stringe al seno con una cintola. Ha maniche ampie, bordate di pelliccia ed un colletto rigido, secondo la moda della fine del XIV secolo.
Si narra che Paolo Giunigi, Signore di Lucca, se ne innamorò a prima vista e la chiese in sposa al di lei padre, il Marchese Carlo I del Carretto.
Il matrimonio fu presto celebrato a Lucca ed i festeggiamenti si protrassero ininterrottamente per ben tre giorni e tre notti; fu un avvenimento talmente importante che ancora oggi è uno degli eventi rappresentati nel corso della rievocazione storica “Historia Montis Baudonis”, organizzato a fine agosto a Mombaldone.
Purtroppo quell’unione non fu duratura perché appena due anni dopo, nel 1405, Ilaria morì di parto, dando alla luce la sua secondogenita.
Aveva appena ventisei anni, era ancora nello splendore della gioventù ed il suo aspetto fu reso immortale da Jacopo della Quercia, che ne scolpì il sarcofago funerario.
L’artista la ritrasse serenamente addormentata, con la testa adagiata su soffici cuscini ed un cagnolino accucciato ai suoi piedi. Questo monumento funebre, famoso in tutto il mondo, è conservato nella Cattedrale di San Martino a Lucca; il sindaco di Zuccarello ne ha chiesto la “restituzione” più volte e senza successo: Ilaria nacque qui nel 1379 e visse a Zuccarello praticamente tutta la sua vita. I suoi “sudditi” le sono affezionati e la rivogliono indietro.
Dal 2007 la statua bronzea dell’artista Flavio Furlani la ritrae viva, così come viene ricordata.

Città Zuccarello

Provincia Savona

Regione Liguria

Coordinate GPS 44°06′40.21″N 8°06′56.08″E

Come arrivare

In auto: da Savona. Prendere l’autostrada A10 Genova – Ventimiglia in direzione Ventimiglia e uscire ad Albenga; da qui prendere la Strada Provinciale 582 del Colle di S. Bernardo/SP582 in direzione di Via Castello e seguire le indicazioni per una decina di chilometri fino a Zuccarello.

In treno: la stazione ferroviaria più vicina è quella di Albenga.

Cosa visitare nei dintorni

– Castelvecchio di Rocca Barbena (SV)
Balestrino (SV)
– Garessio (CN)

Per saperne di più

È possibile trovare molte informazioni sull’artista Fluavio Furlano e le sue opere sul sito internet: http://www.flaviofurlani-scultore.it

Se ti appassionano le sculture ed opere d’arte moderna a cielo aperto che rappresentano le storie e le tradizioni italiane, potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:
Support di Lorenzo Quinn (VE)
Stop Playing di Lorenzo Quinn (VE)
Il monumento al carbonaio di Bondone (TN)
Il battito d’acqua di Legnano (MI)
Life Electric (CO)
Lo sciabegotto di Numana (AN)
Scilla di Francesco Triglia (RC)
La segnaletica stradale di Clet Abraham

Se sei interessato ai borghi degli artisti, potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:
Il respiro di Chemp (AO)
Bussana Vecchia tra sogni e ricordi (IM)
Il Giardino dei Tarocchi di Capalbio (GR)

Hits: 35

Condividi

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*