Gli spaventapasseri di Frontino (PU)

Frontino

Arroccato su uno sperone di roccia nel Montefeltro, all’interno del Parco naturale del Sasso Simone e Simoncello, Frontino è un piccolissimo e caratteristico borgo medievale fortificato. Pulito e ben curato, offre paesaggi mozzafiato ed il piacere della scoperta di un piccolo angolo di arte e storia immerso nella natura.

Dall’interno della torre, oltre il portone socchiuso, grandi occhi tondi fissano il mio fotografare indiscreto: sono spaventapasseri, le star del festival internazionale che li vede protagonisti. Sono tutti diversi: alcuni hanno grandi facce tonde realizzate con palloni colorati di rosa, altri hanno il viso di stoffa; alcuni sorridono ed altri hanno espressioni arcigne, alcuni hanno cappelli di paglia, altri panama o fazzoletti al collo. Hanno tutti vestiti colorati e pose diverse e almeno una storia da raccontare. Foto spaventapasseri di FrontinoSono simpatiche reminiscenze di un passato contadino e feudale, che destano sorpresa e curiosità, poiché siamo a Frontino, un piccolo borgo della comunità montana del Montefeltro, un castello su un colle solitario all’interno del Parco naturale del Sasso Simone e Simoncello. La torre che li ospita è una fortificazione collegata alle mura di cinta che avvolgono e proteggono il borgo. Viste dalla base sembrano altissime, imponenti, invalicabili. Da qui sono un parapetto comodo per affacciarsi e godere del panorama infinito, selvaggio. Boschi alternati a campi coltivati sui ripidi pendii di un verde terreno collinoso che si estende oltre la valle del fiume Mutino, fino alle montagne in lontananza. Era terra di confine, a lungo contesa, fedele sentinella del Montefeltro.
Alle mie spalle danzano i getti e le cascatelle della “Scultura d’Acqua” dell’artista torinese Franco Assetto: il liquido movimento dà vita ad un corpo geometrico ed astratto. Fontana di FrontinoPiccole esplosioni di colore sono donate dai roseti profumati che emergono dalle aiuole e macchie di rosso, rosa ed arancio si uniscono al verde ed all’azzurro del cielo: sto osservando una piccola piazzetta ariosa, lastricata di ciottoli di fiume, sulla quale si affacciano due eleganti palazzi in pietra chiara, ricoperti da tetti di coppi. Una fresca brezza leggera fa muovere le foglie degli alti alberi secolari. Si respira un profondo senso di pace.
La piazzetta si apre su due strade laterali e panoramiche, che scendono lungo i bastioni, e quella centrale, che percorre il borgo in tutta la sua lunghezza: sono lastricate di ciottoli di fiume e vi si affacciano case a schiera e palazzi con facciate in pietra o intonacate di chiaro e fioriere dai colori vivaci. Tra questi, Palazzo Vandini è un elegante edificio quattrocentesco, la dimora nobiliare del valoroso Capitano che nel 1522 sostenne vittoriosamente l’assedio dei Fiorentini guidati da Giovanni de’ Medici, detto Delle Bande Nere; oggi è una struttura ricettiva rinomata. Si narra che dalle cantine del palazzo partisse un cunicolo scavato nella roccia che portava fino al Mulino di Ponte Vecchio, un mulino d’acqua trecentesco sottostante il paese, utilizzato per approvvigionare Frontino in caso di bisogno.
Al di sopra dei tetti si alza la torre civica, interamente ricoperta di edera: solo l’orologio è lasciato scoperto dal verde delle foglie. Vederla così è uno spettacolo notevole. Di fronte, sotto un portico giallo crema, ci sono degli spaventapasseri che ci guardano. Uno tiene un cartello che ricorda la Battaglia dei Coppi: è una storica battaglia avvenuta in una fredda notte d’autunno, il 9 novembre 1451. Battaglia dei coppi di FrontinoSilenziosi come ombre, nascosti dalle tenebre e protetti dalla tranquillità data ai difensori dalla tregua invernale stipulata tra Sigismondo Malatesta e Federico di Montefeltro, un gruppo di soldati al soldo del Signore di Rimini si era arrampicato su lunghe scale ed era riuscito a scavalcare le mura di Frontino indisturbato. Mentre alcuni andavano ad aprire le porte del castello, altri rinchiusero i Frontinesi addormentati all’interno delle loro case inchiavardandone le porte con dei lucchetti. Si stavano preparando a saccheggiare il castello quando qualcuno si accorse della loro presenza furtiva e diede l’allarme. I Frontinesi, non potendo uscire di casa, si arrampicarono sui tetti e da lì affrontarono i nemici gettando loro addosso di tutto: armi, oggetti, sassi e perfino tegole. La battaglia proseguì per tutta la notte e tra i soldati del Malatesta si iniziarono a contare morti e feriti. Poi, sul far del giorno, accorsero i contadini dai paesi vicini per dar man forte ai Frontinesi loro amici: ai Malatestiani non rimase altro che arrendersi. Terminò così la storica Battaglia dei Coppi, che vide i coraggiosi difensori miracolosamente illesi. Lo testimonia anche una lapide posta nei pressi della torre civica, a ridosso delle mura. Adesso una scalinata di metallo permette di “scalarle” per accedere al borgo: come soldati vigorosi le abbiamo salite, pronti a prendere il castello, ma è stato Frontino a conquistare noi.

Città Frontino

Provincia Pesaro e Urbino

Regione Marche

Coordinate GPS 43°45′52.31″N 12°22′40.55″E

Come arrivare

In auto: da Rimini o da Nord. Autostrada A14, uscita Rimini Sud e proseguire in direzione di San Marino e sulla SP41 fino a Montescudo. Proseguire sulla SP42 fino a Santa Maria del Piano e sulla SP18 fino a Mercatino Conca. Alla rotonda prendere la SP2 e percorrerla fino al bivio con la SP6. Svoltare a sinistra e proseguire seguendo le indicazioni per Frontino.

In autobus: è possibile trovare informazioni sui percorsi, orari e costi sul sito delle Autolinee Adriabus.

Cosa visitare nei dintorni

San Leo (RN)
– Urbania (PU)
– Urbino (PU)
– Fermignano (PU)
– Fossombrone (PU)
Gradara (PU)

Per saperne di più

È possibile trovare molte informazioni utili su Frontino sul sito internet: http://www.frontinomontefeltro.it/.

Frontino è uno dei borghi Bandiera arancione del TCI; potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:
Arquà Petrarca: il borgo dei Poeti (PD)
Soave di nome e di fatto (VR)
Triora e le streghe (IM)
Vigoleno e il salottino del bel mondo (PC)
Castelvetro fa rivivere la dama (MO)
La scalata a San Leo (RN)
Monteriggioni di torri si corona (SI)
Gradara: il castello di Paolo e Francesca (PU)
Il grande film di Sermoneta (LT)
I Trulli di Alberobello (BA)

Frontino è uno dei borghi iscritti al club “I Borghi più belli d’Italia”; potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:
L’Abbazia di Sesto al Reghena (PN)
Arquà Petrarca: il borgo dei Poeti (PD)
Glorenza tra storia e leggende (BZ)
A Cornello dei Tasso il tempo si è fermato (BG)
A Mombaldone sulle tracce degli Aleramici (AT)
Passaggio a Bard (AO)
Triora e le streghe (IM)
Zuccarello: capitale di un Marchesato (SV)
Finalborgo e Castel Gavone (SV)
– Esplorando Noli (SV)
Campo Ligure sul filo della storia (GE)
Vigoleno e il salottino del bel mondo (PC)
I muri parlanti di Dozza (BO)
La scalata a San Leo (RN)
I tesori di Sovana (GR)
Gradara: il castello di Paolo e Francesca (PU)
Sperlonga: la piccola fenice (LT)
Civita di Bagnoregio: la città che rinasce (VT)
– Le torri di Pacentro (AQ)
– Venosa: dalle odi ai madrigali (PZ)
Castelsardo ed il tesoro dei Doria (SS)

Hits: 160

Condividi

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*