Le suggestioni del Carnevale di Venezia (VE)

Maschera del Carnevale di Venezia

Il Carnevale di Venezia è una festa famosa e variegata, capace di attirare nella città un numero impressionante di persone e di maschere. Lo racconto con i miei occhi di veneziana.

Ammicca misteriosa, tenendo con una mano la sua maschera: il volto che mostra non è il suo. C’è malizia nello sguardo divertito e nel gioco di riflessi che provoca atteggiandosi allo specchio. Una piccola folla le si accalca attorno, puntandole flash e rivolgendole commenti ammirati; ella si mette in posa compiaciuta: più che modella, è regina per un giorno, è una maschera nel Carnevale di Venezia.
In questi giorni la città è affollata più del solito. I gradini dei ponti non sono panchine ma le regole dettate dal buon senso sono da molti ignorate. Ci sono anche i maleducati, quelli che orinano contro i portoni, che gettano le immondizie per la strada o in canale, gli ubriachi molesti e gli scippatori, attirati dalle opportunità che si creano nella confusione. Inoltre vengono istituiti i sensi unici pedonali, che possono esasperare chi ha fretta di andare a lavorare o chi è stanco e vorrebbe tornare a casa.
Sarebbe auspicabile un comportamento più responsabile da parte di tutti per rendere più facile la convivenza tra Veneziani e turisti.
Queste mie considerazioni sono ben lontane dai pensieri del gruppo formatosi in campo San Giacometto, dove due acrobati mascherati fanno piroette ed evoluzioni spettacolari al suono di un flauto. Un gruppo di giovanissimi pirati attraversa urlante la piazzetta correndo in direzione della pescheria mentre da sotto i portici sbuca una pantegana che saltella abile sui trampoli, con le vibrisse bianchissime ai lati del muso aguzzo. Qualcuno ha una farfalla dipinta sul viso; qualcuno indossa uno di quegli strani cappelli da Jolly che andavano tanto di moda qualche anno fa; ricordo che c’era chi li portava anche nei giorni molto lontani dalla festa.
Una processione di chierichetti, ciascuno con una colomba colorata, scorta le Marie oltre i gradini del ponte di Rialto: alla testa del corteo ci sono il Doge, un gruppo con una grossa testa di maiale che spicca dal colletto immacolato ed un grande toro nero: al di sopra del suono ritmato dei tamburi si sentono i commenti divertiti e maliziosi sulle proprietà apotropaiche dei suoi genitali.
La folla si apre, appiattendosi contro le vetrine e le pareti dei palazzi per lasciarli passare mentre qualche fotografo e fotoamatore cerca di avanzare per conquistarsi lo scatto più bello. Un bosco di braccia tese cattura la scena con i cellulari mentre piovono coriandoli da una finestra al secondo piano.
In lontananza si sente la musica che anima Campo Santa Maria Formosa, dove un gruppo di dame e cavalieri danza leggiadro e colorato.
Maschere del Carnevale di VeneziaC’è nell’aria un’allegra euforia, un’eco lontana di quei giorni in cui il Carnevale di Venezia era una festa sfrenata, nella quale patrizi e plebei si mescolavano liberamente, protetti dall’anonimato offerto dalla maschera. Erano giorni di baldoria spensierata, divertimento e sfogo, balli, corteggiamenti e comportamenti talvolta licenziosi; erano gli anni della commedia dell’arte goldoniana, del rococò, degli affreschi del Tiepolo, delle composizioni di Vivaldi e del Casanova avventuroso e libertino; erano gli anni della decadenza di una Repubblica che puntava sulla fama e sull’attrazione esercitata dal Carnevale per richiamare viaggiatori e festaioli da tutte le corti d’ Europa e rimpinguare le casse dello stato. Il Carnevale durava sei settimane, in pratica da dopo Natale a prima di Pasqua e durante quel periodo casini (case di tolleranza) e ridotti (case da gioco) lavoravano senza sosta; dai balconi dei palazzi signorili aperti sul Canal Grande, si intravvedevano gli splendidi lampadari di Murano accesi a diffondere la loro luce riflessa da specchiere dorate sulle maschere danzanti.
Lunghe piume colorate, perle e ricami arricchivano le opere realizzate dai “maschereri”, artigiani con un loro statuto ed una loro scuola fin dal XIII secolo. Sapevano plasmare argilla, cartapesta, gesso e garza per dar forma alle loro creazioni, che levigavano, coloravano e ornavano, rendendole uniche e spettacolari o misteriose.
Vedo una bauta avanzare tra la folla. Veste un lungo tabarro nero ed un tricorno; il suo viso è nascosto dalla tipica larva bianca. Riesco a vederne solo gli occhi, di un verde intenso. La vedo allontanarsi con passi aggraziati e decido di seguirla in questo mare di persone, pronta a vivere una nuova avventura da raccontare.

Città Venezia

Provincia Venezia

Regione Veneto

Coordinate GPS 45°26′17.66″N 12°20′12.23″E

Come arrivare

In auto: Venezia è facilmente raggiungibile con l’auto attraverso i collegamenti autostradali (A4 da Trieste e da Torino, A27 da Belluno, A13 da Bologna) e stradali (SS.309 Romea dalla costa Adriatica, SS.14 da Trieste, SS.13 da Treviso, SS.11 da Padova). Una volta giunti in prossimità della laguna si imbocca il Ponte della Libertà che collega in senso letterale la terraferma a Venezia. Le indicazioni per Venezia portano a Piazzale Roma, il punto più estremo a cui si può accedere con la macchina. Qui è necessario parcheggiare la propria vettura. L’alternativa è il grande parcheggio all’isola del Tronchetto, raggiungibile svoltando a destra dopo aver percorso il ponte translagunare. Dal Tronchetto si arriva a Venezia in pochissimi minuti, con il vaporetto o con il nuovissimo People Mover, che fa servizio di navetta fino a Piazzale Roma. Un’altra possibilità è quella di lasciare l’auto a Mestre – sia presso i parcheggi ubicati vicino all’ingresso del Ponte della Libertà che vicino alla Stazione Ferroviaria di Mestre – e raggiungere Venezia con i mezzi pubblici, sia autobus che treno.

In treno: Fermata Venezia Santa Lucia, poi proseguire a piedi o in vaporetto

In vaporetto: Linea 1: Rialto.

Per saperne di più

È possibile trovare tutte le informazioni relative al Carnevale di Venezia sul sito istituzionale della manifestazione: http://www.carnevale.venezia.it/.

Se le manifestazione storiche e folcloristiche carnascialesche italiane ti appassionato, potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:
Il Carnevale del Povero Piero (MI)
Lo storico Carnevale di Ivrea (TO)
La Lachera di Rocca Grimalda (AL)
Pirin e il Carnevale di Oleggio (NO)
Sa Sartiglia di Oristano (OR)

Hits: 82

Condividi

4 Comments

  1. da tanto tempo non ti vedevo più ed è stato un bel vedere, sono anni che dico di andare a vederlo ma il tempo è tiranno… belle foto come sempre
    Ciao
    Gian

    • Gian! Che bello leggerti! Grazie del passaggio! Spero tu stia bene. Il tempo è tiranno un po’ per tutti: tra lavoro e pendolare ne resta davvero poco anche a me 🙁 Le poche ore che ho a disposizione sono tutte nel we e le uso come posso per andare in giro e fare foto e raccogliere storie da raccontare nel blog. Poi, ovviamente, anche casa e famiglia e la salute vogliono il loro tributo. Spero di riuscire ad incontrarti. Se passi da queste parti, non esitare a contattarmi! E se viene riorganizzata qualche rimpatriata tra i fotografi vagabondi, se riesco a venire, lo faccio più che volentieri! Ti abbraccio! Annalisa

      • ciao cara Annalisa il tempo è ti fanno anche per me ma tu sei una pupa e invece Gian invecchia e la salute viene a mancare ma ci sto lavorando a discapito della fotografia 😏 purtroppo sarà difficile ma mai dire mai cmq vedo che le tue avventure seguitiano e che non hai perso la voglia di fare … seguita che dopo molto dopo tutto diventa difficile…un grosso abbraccio e spero a presto 😘

        • Gian, sei il mio mito da tanto tempo! Faccio il tifo per te e perché le tue foto non debbano mancare mail. Ricambio l’abbraccio! Quando torno a Roma ti faccio sapere!

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*