Sui sentieri di Fondo (TO)

Fondo di Valchiusella

Fondo di Valchiusella è una piccola borgata di Traversella, ad un passo dal confine valdostano. Immersa nel verde, crocevia di numerosi sentieri, è il luogo preferito dagli escursionisti che amano la tranquillità, la natura e le leggende.

Crocca la neve sotto i miei passi mentre seguo le impronte sul sentiero.
Alle mie spalle il monte Marzo si eleva aguzzo verso il cielo e, insieme alle altre cime, proietta la sua ombra sulla valle.
Scendendo, siamo arrivati sulla strada; di fronte a noi, l’alto campanile torreggia sulla canonica e sulla chiesa seicentesca di San Bernardo di Mentone. Poco oltre c’è il cimitero, un piccolo parcheggio ed una strada talmente dissestata che dell’asfalto è rimasta solo qualche traccia. La percorriamo lentamente, stando attenti a non scivolare, mentre si fa più forte lo scrosciare gorgogliante del torrente Chiusella, le cui acque saltellano tra i grandi sassi levigati, disegnando piccoli specchi d’acqua che sembrano di rame fuso. Lo attraversa un ampio ponte di pietra, a schiena d’asino, affascinante quanto scenografico, che s’incurva verso l’alto ed offre, dalla sommità della sua gobba, un punto panoramico sulla piccola borgata.
Ponte Fondo di ValchiusellaPoche case di pietra con i tetti in ardesia ed i panni stesi ad asciugare, le capriole di fumo di un camino acceso, un punto di ristoro per scaldarsi un po’, una fontana che fa anche da lavatoio, un paio di altalene colorate, panchine e fioriere ora vuote e segnavia che promettono nuove escursioni: Fondo, frazione di Traversella, è tutta qua. Me la immagino in primavera inoltrata, quando la neve si sarà sciolta, lasciando un mondo verde di alberi e prati come quello che ho visto in tante foto scattate qui e postate nel web. Ci saranno fiori profumati, le acque del Chiusella scorreranno limpide e più abbondanti ed al rumore del torrente si uniranno i richiami degli animali e le chiacchiere degli escursionisti. Me li immagino con gli scarponcini sporchi di terra e le magliette colorate sotto gli zaini e le borracce mentre salgono guardando il paesaggio; magari cammineranno lungo il “Sentiero delle Anime”, osservando le rocce alla ricerca di misteriose incisioni rupestri che, secondo una leggenda, sarebbero state lasciate da spiriti inquieti o da antichi guerrieri dei Salassi, morti nel tentativo di difendere le loro terre dall’avanzata delle legioni romane.
Si narra che tra questi sentieri abbia vagato anche un leggendario eremita del XIX secolo, un montanaro solitario che conduceva un’esistenza semplice, in comunione con la natura. Aveva un cane e qualche capretta e viveva ritirato in una malga poco fuori la borgata di Talorno. Sapeva riconoscere le piante ed i fiori e ne conosceva le proprietà; per questo talvolta qualcuno saliva a cercarlo e chiedergli consiglio.
Un giorno passò da lui il prevosto di Fondo, che era solito recarsi dai suoi parrocchiani per due parole ed una benedizione; lo esortò a partecipare maggiormente alla vita della comunità ed a venire a messa ed egli promise che la domenica successiva non sarebbe mancato.
Chiesa di San Bernardo a Fondo di ValchiusellaOrmai l’eremita era molto vecchio ma c’è chi giura di averlo visto scendere a valle proprio quella mattina, di buon passo, aiutandosi con il bastone da pastore e con il mantello a coprire le spalle ossute; il suo fedele cane lo seguiva appresso. Quel giorno attraversò questo ponte di pietra col passo sicuro di chi conosce ogni gradino per averlo calpestato migliaia di volte ed entrò nella piccola chiesa di San Bernardo giusto in tempo per l’inizio della funzione mattutina, prendendo posto in fondo, tra gli ultimi banchi. Terminata la funzione, il sacerdote si voltò verso i fedeli per l’ultima benedizione e vide il fondo della navata illuminata da un raggio di sole che filtrava da un finestrone. Fu grande la sorpresa quando si accorse che a quel raggio di sole era appeso il mantello del vecchio eremita. Fece ancora più scalpore il racconto concitato di un ragazzino che giurava di averlo visto quello stesso mattino, molto prima dell’alba: l’uomo saliva di buon passo verso il monte Marzo, seguito dal fedele cane e dal piccolo gregge; continuò a salire oltre la vetta aguzza, fin su nel cielo, fin oltre dove può arrivare lo sguardo.

Città Fondo, frazione di Traversella

Provincia Torino

Regione Piemonte

Coordinate GPS 45°31′N 7°45′E

Come arrivare

In auto: Da Torino. SP460 – Strada Provinciale 460 di Ceresole in direzione nord fino a Rivarolo Canavese; poi SP222 fino a Canton Caquatto. Poi prendere a destra la SS565 – Strada Statale di Castellamonte e seguire le indicazioni per Valchiusella. Proseguire fino a fondovalle.

Cosa visitare nei dintorni

– Talorno di Valchiusella
– il Sentiero delle Anime

Per saperne di più

È possibile trovare tutte le informazioni relative alla borgata di Fondo di Valchiusella sul sito internet: https://www.valchiusella.org

Hits: 83

Condividi

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*