CuciMilano di Zed1 (MI)

CuciMilano di Zed1

Nella zona di Porta Romana, a Milano, il murales monumentale di Zed1 esprime il suo messaggio attraverso i fili tessuti da una sartina cinese.

Ha il naso aguzzo, le gote arrossate e gli occhi scuri; i capelli neri, tagliati corti, le incorniciano la fronte. Ha la testa piegata e lo sguardo rivolto verso il lavoro che pazientemente continua a cucire. È una sarta cinese, come suggeriscono le stelle sulla spalla del suo maglioncino rosso; con la macchina da cucire disegna delle bandiere su lunghe stole bianche. Tra quelle rumena, turca, filippina, egiziana e giapponese, è ben in vista il biscione meneghino.
Sta usando una macchina da cucire “Mixa Milano”, nella quale sono infilati tre rocchetti di filo: bianco spumante brut, rosso bitter Campari e bordeaux vermut, gli ingredienti del “Negroni Sbagliato”, un drink milanese che spopola da decenni.
CuciMilano di Zed1“CuciMilano” è il murales monumentale di Zed1 che occupa la facciata dell’elegante palazzina Liberty del Madama Hostel & Bistrot, in Via Benaco 3, a Milano.
Siamo nell’area sud all’interno della prima cerchia, in zona Porta Romana, a poche centinaia di metri dalla Fondazione Prada e di fronte al Consolato Cinese.
Qualcuno ha visto nel murales un richiamo alla Milano capitale dell’alta moda ed alla Cina come uno dei maggiori produttori di abbigliamento al mondo.
L’immagine racconta un contesto multiculturale, con le bandiere delle comunità più numerose del tessuto sociale della città. Credo si possa vedere anche un riferimento al Madama Hostel, un luogo dove viaggiatori da tutto il mondo si incontrano, magari per scambiarsi esperienze, impressioni e progetti sorseggiando un aperitivo.
CuciMilano di Zed1Per la stessa Milano è un esempio ed un invito ad integrarsi, anche approfittando dell’aiuto offerto dalla convivialità: quale modo migliore di confrontarsi, se non tutti insieme, durante un happy hour?
Il titolo dell’opera e la firma dell’autore sono nell’angolo in basso a sinistra, insieme all’anno nel quale rulli, pennelli e bombolette spry le hanno dato vita: il 2017. Da allora CuciMilano fa parte del MAUA, il Museo di Arte Urbana Aumentata, un museo a cielo aperto, diffuso nelle periferie di alcune città, capace di animare le opere che ne fanno parte tramite un’app gratuita. Cosa succederà inquadrando il murales in questo modo?
Con la testa quasi sul tetto della palazzina e le scarpe poco sopra la strada, la sartina cinese continua a cucire un po’ di meraviglia per chi, come me, le passa accanto e si ferma a guardarla. A volte, tra le sue labbra rosse, par di vedere un sorriso, con l’augurio di una buona giornata.

Città Milano

Provincia Milano

Regione Lombardia

Coordinate GPS 45°26′49″N 9°12′37″E

Come arrivare

“CuciMilano” occupa una delle pareti del Madama Hostel, in via Brembo.

A piedi: Usciti dalla fermata della Metropolitana Linea Gialla M3 Lodi TIBB, proseguire lungo corso Lodi verso il cavalcavia ferroviario. Svoltare a destra in Via Brembo; CuciMilano si trova sulla sinistra; e’ impossibile non vederlo perche’ occupa una parete intera.

In metropolitana: fermata M3 (linea gialla) LODI TIBB.

In treno: Qualsiasi stazione di Milano, poi proseguire in metropolitana.

Cosa vedere nei dintorni

– “Non si può andare contro Natura” di Zed1

Per saperne di più

Se sei un appassionato di street art, non perdere le opere di Clet Abraham; potrebbero interessarti anche i borghi dipinti, sui quali ho scritto i seguenti articoli:
Boarezzo, il villaggio di Grandi e Tabacchi (VA)
Legro, cinema a cielo aperto (NO)
I muri parlanti di Dozza (BO)
– Campomarino: il borgo arbëreshë (CB)

Se sei interessato ai borghi degli artisti, potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:
Il respiro di Chemp (AO)
Bussana Vecchia tra sogni e ricordi (IM)

Hits: 34

Condividi

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*