Dinô Da Nùxe (SV)

Ogni anno nel periodo dell’Epifania il piccolo borgo savonese di Finalborgo si anima mettendo in scena la manifestazione “Dinô Da Nùxe”: la tradizionale richiesta in dialetto ligure di donare delle noci è soddisfatta a Castel San Giovanni dal Marchese Giovanni I Del Carretto in persona.

Per le strade di Finalborgo, addobbate a festa, risuonano i ritmi incalzanti dei tamburini: vestono i colori dello stemma di Finale Ligure e il rosso vivace dei loro copricapi e delle casacche è un fiume festoso che richiama la folla. All’improvviso fanno silenzio e dopo gli applausi viene dato il grande annuncio: nel pomeriggio il loro Signore, della nobile casa dei Del Carretto, farà dono di un sacchettino di noci a tutti coloro che parteciperanno al suo ricevimento a Castel San Giovanni.
È uno dei giorni vicini all’Epifania e il castello è gremito di gente; qualcuno chiede “Palanche”, qualche spicciolo, mentre fuori gli arcieri si allenano al tiro con l’arco e le guardie illuminano il passaggio con le fiaccole accese. Belle dame sorridono e passeggiano con incedere elegante; ci sono giullari e musici, giovani pifferai e zampognari, spadaccini e mangiafuoco, cavalieri con lunghi mantelli e stemmi gentilizi ben in mostra sul petto: sono tutti in abiti medievali per la manifestazione “Dinô Da Nùxe”, una tradizione antica che ogni anno viene fatta rivivere dai volontari dell’Associazione “Centro storico del Finale”.Foto manifestazione Dinô Da NùxeSi narra che “Dinô Da Nùxe” fosse la festosa richiesta in dialetto che i bambini di Finale Ligure gridavano bussando di porta in porta alla vigilia di Natale. Chiedevano delle noci (“nùxe” in dialetto ligure) ma potevano ricevere in dono anche altra frutta secca e arance o mandarini. Avevano la pancia vuota e brontolante per il digiuno in preparazione della festa e le strade si saturavano dei vapori e degli odori che salivano dai focolari facendo pregustare il cenone natalizio e mettendo l’acquolina in bocca.
Oggi Castel San Giovanni è pieno di vita e la gente radunata nel cortile ammira le esibizioni dei figuranti ed artisti di strada nei loro antichi costumi. Alle loro spalle il sole sta tramontando, colorando il cielo di un rosa acceso. Da qui il panorama si apre sul borgo sottostante e spazia fino al mare, aggiungendo spettacolo a spettacolo.Foto location Dinô Da NùxePresto si esibiscono i giocolieri e due spadaccini con spade fiammeggianti si affrontano con movenze eleganti. All’interno della torre si sta svolgendo il ricevimento e il Marchese Giovanni del Carretto, con in capo una vistosa corona d’oro e gemme, accoglie i suoi sudditi con accanto la bella e giovane sposa, la marchesina Biscontina, ed altre nobili dame e guardie. Spiega agli astanti l’origine della manifestazione e come si svolge: “in questa ricorrenza il Marchese offriva le noci al popolo e gli auguri di buon anno, e così faremo noi. Passerete davanti al Marchese e la Marchesa e potrete ricevere un sacchettino di noci e i nostri auguri. Fate attenzione, perché all’interno del sacchettino potrebbe celarsi la favolosa noce d’oro… ”. Sorride mentre gli sguardi intorno a lui si accendono di speranza: chissà chi tra questi bambini e genitori, affezionati e curiosi, finalesi e turisti troverà quel piccolo dono fortunato.

Città Finalborgo (Finale Ligure)

Provincia Savona

Regione Liguria

Coordinate GPS 44°10′33.75″N 8°19′43.97″E

Come arrivare

In auto: da Savona. Autostrada A10/E80 in direzione Ventimiglia, proseguire fino all’uscita Feglino. Prendere la Strada Provinciale SP27 a Finale Ligure e seguirla per circa 5 km fino a Finalborgo.

In treno: Stazione di Finale Ligure.

In autobus: Finale Ligure è servita da TPL Linea. Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito web https://www.tpllinea.it/.

Per saperne di più

È possibile trovare tutte le informazioni relative alla manifestazione sul sito internet: https://www.centrostoricofinale.com/.

Se ti piacciono le manifestazioni legate al Natale o all’Epifania, potrebbero interessarti anche:
Le Luci d’Artista a Torino (TO)
Le Luci d’Artista di Salerno (SA)
– Le Luci d’Artista di Polignano a Mare (BA)
Como, città dei Balocchi (CO)
Bellano e la Pesa Vegia (LC)

Hits: 128

Condividi

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*