Legnano: i murales dell’Acqua (MI)

Legnano - Murale dell'Acqua. Mani

A Legnano, sul lungo Olona, le belle opere di giovani artisti sono un messaggio quanto mai attuale per esortarci ad amare e rispettare la natura.

In questi mesi di siccità, siamo stati più volte sensibilizzati sull’importanza dell’acqua e sugli effetti della sua carenza. Abituati a mari, laghi, fiumi, fontane ed al rubinetto di casa, forse abbiamo dato per scontato un bene che è essenziale per la vita, è forza generatrice di energia ed è una via di comunicazione antica quanto il mondo.
Rappresentarono proprio questo elemento, nel 2016, gli studenti del liceo artistico dell’Istituto superiore Carlo dell’Acqua, nell’ambito di un progetto di alternanza scuola-lavoro, in collaborazione con il Comune di Legnano, per il recupero e la valorizzazione del Lungo Olona. Le loro opere, che da allora impreziosiscono il muricciolo che segue il corso del fiume in via Macello, sono molto belle ed offrono numerosi spunti di riflessione.
L’acqua è un elemento naturale e l’habitat di numerose specie animali, come i pesci e come il martin pescatore dai colori sgargianti, talvolta avvistato al parco Castello, che è stato dipinto con le ali aperte mentre riemerge dopo un tuffo, tenendo nel becco la preda.
Il fiume Olona è un simbolo della città di Legnano e fu il mezzo di trasporto scelto per far arrivare qui da Milano il Carroccio prima della famosa battaglia contro le truppe imperiali di Federico Barbarossa.
Legnano, murale dell'Acqua, Battaglia di LegnanoLe sue acque scorrono come un corpo vivo, dando forma a giochi di colore, luci, linee, arrivando ad impersonare una figura femminile come simbolo della vita e dell’eterno fluire del corso degli eventi.
Un volto prende forma tra onde di diverse altezze e colori, che sembrano sommergerlo, e rappresentano le difficoltà che incontriamo nella quotidianità. Sono onde pericolose come quella del famoso artista nipponico Katsushika Hokusai, al quale è chiaramente ispirato il murale “NO FISH SWIM IN TAR”. Qui, la “La grande onda di Kanagawa” simboleggia la difficoltà di cambiare radicalmente le nostre abitudini mentre le grandi carpe tagliate a metà rappresentano la necessità di farlo, poiché i comportamenti umani sbagliati e lungamente reiterati hanno portato all’inquinamento ed ai cambiamenti climatici.
Legnano, murale dell'Acqua, “NO FISH SWIM IN TAR”Un monito ci arriva dal murale “MODERN SOCIETY”, nel quale un pesce “nuota imperterrito verso il suo tragico destino”, trascinandosi appresso il corpo di un uomo. Sembra incurante dei lacci che lo legano al pesante fardello.
Noi possiamo essere migliori di un corpo legato come un salame dalle corde delle proprie abitudini e piccoli egoismi: possiamo essere come le carpe Koi, i bei pesci colorati che nella cultura nipponica sono simbolo di affetto, amicizia e passione ma anche di forza, come chi affronta i propri ostacoli e li supera con fermezza e coraggio.
Ecco: nel centro del fiume, un pennello sembra nascere dalle onde stesse; rappresenta l’arte che trae ispirazione dalla natura e che si fa mezzo per comunicare dritto al cuore delle persone. È come se da un muro d’acqua, due grandi mani uscissero all’improvviso per afferrarci, spingerci o sostenerci, forse scuoterci per farci comprendere un grande messaggio di speranza per una rinascita consapevole.
In fondo, questo piccolo grande mondo, che è l’unico che abbiamo, è nelle nostre mani; l’acqua lo circonda, lo avvolge, lo nutre, lo colora di “incredibile azzurro”. Un atto di rispetto verso la natura è un atto di amore verso tutti noi.

Città Legnano, via Macello (lungo Olona)

Provincia Milano

Regione Lombardia

Coordinate GPS 45°35′48.84″N 8°54′32″E

Come arrivare

In auto: Autostrada A8 con uscita a Legnano o Strada Statale del Sempione SS33.

In treno: Stazione Ferroviaria di Legnano.

In autobus: Legnano è servita dalla STIE S.p.a. Per informazioni su costi e orari è possibile consultare il sito: http://www.gruppostarlodi.it/

Cosa visitare nei dintorni

– il centro di Legnano (MI)
– il parco Castello di Legnano (MI)
Water Beat, posta di fronte all’ex area Cantoni di Legnano (MI)

Per saperne di più

Ho trovato molte informazioni sull’iniziativa che ha portato alla realizzazione dei murales di via Macello sul sito internet: https://www.settenews.it/legnano-i-murales-dellartistico-dellacqua-sulla-sponda-dellolona-di-via-del-macello-dove-come-perche/.

Il tema delle “Mani”, realizzate in opere d’arte moderna per lanciare messaggi di speranza e sensibilizzazione sui grandi temi ecologici, è stato proposto anche da Lorenzo Quinn, un grande artista, del quale ho raccontato le opere:
Building Bridges
Stop Playing
Support

Se sei curioso di vedere altri murales a tema: l’Acqua, non perderti Pogno (NO), borgo dipinto e capitale dei rubinetti.

Sei un appassionato di Street Art? Potrebbero interessarti anche gli articoli raccolti nella sezione:
L’arte racconta

Se vuoi leggere un’altra storia nata lungo le sponde del fiume Olona, potrebbe interessarti anche:
– Il Battito d’acqua di Legnano (MI)
Storia di una ciminiera solitaria (MI)

Hits: 103

Condividi

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*